Category archive

Le parole che graffiano - page 7

e che Natale sia…

in Le parole che graffiano da

kruger agostinelli regurk Re Gurk natale 2010

e che il Natale sia perlomeno un giorno in più per volersi bene

Re Gurk (alias Kruger Agostinelli)

 

A chi si sveglia sempre di buon umore…
A chi saluta ancora con un bacio…
A chi lavora molto e si diverte di più…
A chi va in fretta in auto ma non suona ai semafori…
A chi arriva in ritardo ma non cerca scuse…
A chi spegne la tv per fare due chiacchere…
A chi è felice il doppio quando fa a metà…
A chi ha l’entusiasmo di un bambino ma pensieri da uomo…
A chi vede nero solo quando è buio…
A chi trasforma un puntino giallo in un Sole…
A chi non farebbe mai al prossimo ciò che non vorrebbe fosse fatto a se stesso…
A chi mi allontana la solitudine…
A chi tiene spalancata la finestra della sua amicizia
A chi continua a farmi sentire innamorato…
e son fossi fra queste descrizioni, anche a te che mi leggi ancora…

niente Krug per Kruger

in Le parole che graffiano da

kruger regurk birthday 2010

le bollicine dello spumante VanziniBuon Compleanno Kruger. Questa volta niente champagne Krug e se proprio devi brindare con le bollicine meglio uno Spumante Vanzini, di cui hai, come consumatore, un’ottima considerazione. E pure perchè, grazie all’incontro con Antonio (uno dei proprietari), continui a credere su quella stima aziendale e la possibilità (anche se accennata) di collaborazione con un mondo che ti piace. Tutto questo per dire che cambiano le esigenze, non solo in termini economici ma soprattutto umane e che le opportunità  che ne derivano, ne sono una inevitabile conseguenza.  Certo il mondo del lavoro non può intromettersi con quello dei sentimenti a meno che non si abbia la fortuna di essere come te, che metti sempre in quello che fai una porzione di sogni da realizzare.

Che augurarti? Non certo la libertà, quella fa parte già delle tue scelte. Semmai l’entusiasmo di affidarti quotidianamente al gusto dei sensi e alle ragioni incontrollabili del tuo cuore per riempire lo spazio del tempo che, in uno strano contratto denominato vita, “qualcuno” ti ha regalato un bel po’ di anni fa

Continua ad investire nelle persone che ti piacciono e soprattutto in quelle che, per varie ragioni del cuore, continui ad amare in costante equilibrio tra:
– la fragilità di un sorriso che non ti aspettavi
– le onde immutabili della malinconia, proprio tu che non sai nuotare
– lo stupore per quel respiro forte che aspetti ancora e che possa parlare solo di te
– le vertigini di quella solitudine che non volevi.

Soprattutto non gettare nel frullatore del tempo che passa, quel bacio, quella carezza e quel pianto che hanno disegnato strade che non potrai più ripercorrere. Tutto questo per continuare ad essere protagonista nel mestiere della vita e nell’incertezza dell’amore.

Tuo inseparabile.

Re Gurk 21.11.2010

ps: vuoi fare un regalo virtuale per Kruger anche tu? Spediisci un aggettivo che lo rappresenta, bello o brutto non ha importanza, a questa mail aggettivo@kruger.it

QUEL SECONDO IN PIU’…

in Le parole che graffiano da

Il 2008 durera’ piu’ a lungo e contera’ un secondo in piu’. A mezzanotte, a momento del fatidico brindisi di fine anno, infatti, ci sara’ uno slittamento,  non scocchera’ come al solito alle ore 23,59 minuti e 59 secondi del 31 dicembre.

Cos’e’ un secondo forse un battito di ciglio, un istante prima di un bacio, l’inizio o la fine di una vita, lo scatto di una foto, un sorso di caffe’, il si o il no di una risposta.

Ho scelto alcuni di quei secondi che rappresentano il nostro pianeta in questo 2008, mentre l’inchiostro della memoria si consumera’, io dedicherò quel secondo a quelle persone amiche che non rivedro’ piu’…

Re Gurk 31.12.08
 
1 5 6 7
Go to Top