Category archive

Giornalista e dintorni

Tragedia a Corinaldo, morire per un concerto

in Giornalista e dintorni/Il meglio di Re Gurk/Le parole che graffiano da

“Se me lo dicevi prima” recita una canzone di Enzo Jannacci che è poi l’inno dell’ipocrisia. Io che sono piccolo di statura, ricordo perfettamente in diversi concerti e pure nelle rare partite di calcio che ho seguito di essere a volte trascinato dalla massa di persone in movimento. Un’onda inarrestabile che si muove e semplicemente ti trascina, se fatta in modo regolare. Posso quindi perlomeno intuire cosa può succedere se subentra la paura. Non c’è scampo. Ma non bisogna andare in discoteca basta alle volte anche una semplice sagra, zeppa di persone. Ed il fattaccio può succedere. Se a tutto questo aggiungi l’energia di un pubblico minorenne. Oltre il doppio delle persone della regolare capienza del locale. Le strutture esterne non adeguate ad un piano di fuga (pensate alla balaustra che ha ceduto). E la presenza di spray urticante che può essere venduto alle persone sopra i 16 anni per l’autodifesa personale. La tragedia ha tutte le componenti per essere rappresentata.
Ora si scatena una maldestra ma inevitabile caccia alle colpe e pure una peggiore gara a delle improbabili soluzioni.
Di sicuro a sensazione, i gestori non hanno scampo. Mettere oltre il doppio delle persone in quello spazio è un rischio inammissibile. Ma penso pure che non abbiano meno responsabilità quelli della SIAE che dovrebbero sapere tutto della licenza del locale. Quindi,se i dati riportati risultano esatti, come si possono permettere di essere venduti ben 1400 ticket (di cui si trattengono una bella fetta di diritti) mentre non c’è una capienza superiore ai 900 posti? E poi diciamoci la verità lo stesso management, che ben conosce il costo dell’artista, non puo’ far finta di non immaginare che sarà una serata “regolare”. Diffido sempre per natura dai moderni Ponzio Pilato.
Ora tutto questo è sotto i riflettori e quindi attenzione a non fare la caccia alle streghe o crociate contro il mondo dell’intrattenimento.
E soprattutto ora anche se con enorme difficoltà bisogna esprimere un triste pensiero di dispiacere per queste sei sfortunate persone. Con la consapevolezza che non ci saranno più per loro possibilità di vivere in serenità altri giorni con i propri cari. Un danno irreparabile e del dolore senza fine per chi resta.

Un teatro a Falconara Marittima ma per recitare quale commedia?

in Giornalista e dintorni/politica da

Ho letto un post sulla pagina facebook “la sai l’ultima di Falconara Marittima” in cui si invita la Sindaca Stefania Signorini a pensare ai cassonetti dell’immondizia invece che al teatro.

E’ chiaro che trovo tutto questo pretestuoso e rischia inevitabilmente di mandare fuori tema il dibattito cittadino su ciò che necessita. E’ bene mettersi in testa che l’educazione civica è ai minimi storici, soprattutto nelle città povere del loro senso di appartenenza. Il problema del teatro invece va analizzato in un altro senso. Se serve per appoggiarci qualche associazione locale o poco più è un conto. Se invece diventa un recipiente culturale e d’intrattenimento serio merita una considerazione diametralmente opposta.

La mia percezione da cittadino, aldilà delle buone intenzioni fin troppo infantili, è che si voglia inseguire un consenso virtuale. In realtà Falconara necessita di una progettualità che possa rendere usufruibile il proprio territorio. C’è da allontanare il rischio quotidiano di una concreta desertificazione o peggio ancora di un’invivibilità irreversibile della città. Insomma se non funziona già bene una biblioteca o un caffè letterario e ci si affida a festicciole stile sagra, come possiamo pensare che con un teatro ci si riesca? Mancano idee, o perlomeno non si riescono a mettere in ordine nelle legittime priorità e manca soprattutto quella qualità che ne decreterebbe la differenza in positivo.

La città non può reggersi con uno spot ogni tanto, magari ideale al massimo per un insignificante selfie. Falconara Marittima ad esempio mi piace quando ci sono le emergenze meteorologiche (neve o bufere), avverto un funzionamento corretto e quasi immediato dei mezzi di pulizia (da non confondere con la polizia municipale dove occorrerebbe aprire un altro capitolo). Quindi si apprezza questa presenza che poi diventa rassicurante per i cittadini. Per contro trovo timido e troppo educato invece il comportamento nei confronti delle emergenze ambientali. Dove invece sarebbe opportuno incazzarsi realmente con le aziende che puntualmente maleodoranti inquinano. E soprattutto imporsi con quel carrozzone della Regione che da tutto questo ci guadagna pure tanti soldi, senza lasciare niente alla città.

Ci sono purtroppo sempre più ombre che luci in questa Falconara NoDog (altro tasto dolente in termini di insensibilità). Cerchiamo di non dare ora la colpa di tutto questo buio, magari a quell’ora legale che è da poco cambiata …

  • didascalia per la foto:  “E dopo la discesa il mare. La mia città non l’hanno mai saputa capire. Squarci di bellezza in un luogo violentato da prepotenze, indifferenza e incapacità”.

Il prof. Benigni di virtù ci nutre leggendo Dante ad Apiro e Jesi

in Eventi/Giornalista e dintorni da

Piccoli miracoli della provincia in una domenica sera d’autunno. Roberto Benigni con un passato da funambolo irriverente ed ora in punta di piedi rende il suo omaggio infinito ed incantato ai versi del sommo Dante Alighieri. Impresa non facile ma neanche impossibile di chi come lui, attore toscano con tanto di Oscar, vanta un carisma quasi immacolato. Celebra inoltre un amore sincero e credibile per la “segreta” terra marchigiana. E’ qui non per lavoro ma per diletto e commuove tutti i presenti sia nell’incantevole Teatro Pergolesi che nella tecnologica piazza antistante, munita per l’occasione di maxi schermo. Rende partecipe il pubblico di quello che poi leggerà come un professore che ognuno di noi vorrebbe aver avuto ai tempi di scuola. E poi snocciola il Canto XXVI dell’Inferno come onde del mare che ci accompagnano in luoghi dell’intelletto a noi finora sconosciuti.  Del resto “fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza”.

ps: La presenza di Roberto Benigni è stata possibile grazie ad un’iniziativa convegnistica di Franco Musarra (professore emerito di Letteratura Italiana presso l’Università Cattolica di Lovanio), originario di Apiro, cittadina dove da qualche anno è stato costituito un Comitato Cultura che lavora alla valorizzazione del territorio in collaborazione con l’amministrazione comunale. Sono quindi state coinvolte in questa occasione anche l’amministrazione comunale di Jesi e la Fondazione Pergolesi Spontini.

l’applauso finale

Sindaco di Falconara Marittima, cento giorni di me e di te

in Giornalista e dintorni/Il meglio di Re Gurk/politica/Senza categoria da

Cento giorni di me e di te. Non voglio rovinare la festa, perché dopo questi pochi giorni sarebbe ingiusto di parlare di festa o di tragedia. Confermo di essere fra i 54 che fecero la differenza quel giorno dell’elezione di Stefania Signorini (anzi per la verità ne conosco perfettamente perlomeno altri 14 che come me la votarono solo al ballottaggio) e personalmente lo rifarei. Non solo per suo merito s’intende ma proprio considerando improponibile l’alternativa che ci fu offerta dall’altro schieramento.

Politicamente parlando, viviamo tempi intrisi di tifo e dunque stupidi, nei quali se osi non accettare tutto o prendi le distanze vieni demonizzato piuttosto che essere uno stimolo per una più approfondita discussione. Ma questo in Italia ormai tende ad avvenire con frequenza per qualunque argomento. Mi ricordo ad esempio quella sindrome che colpiva i nostri professori al tempo di scuola, relegandoli in due precise categorie. Quelli (tanti) che andavano pazzi per i secchioni e quelli (pochi) per i ribelli. Per la verità poi ce n’era una terza categoria, a cui tantissimi tentavano di aderire, ovvero quelli che si consideravano al disopra delle parti. Ecco erano proprio loro che finivano inesorabilmente spesso vittime degli allievi furbetti.

E per dirla con una frase già fatta: o vi fermate all’apparenza, oppure scendete (come cerco di fare quando il tempo e la voglia me lo permette), dopo alla sostanza.

Intanto godiamoci i primi cento giorni del nostro Sindaco attraverso i suoi post:

– 4 ottobre: Questa mattina incontro in sala consiliare con i bambini della 4 e 5 elementari per il Dono day. Non immaginate quanto siano state profonde le loro riflessioni! I bambini sono straordinari ♥

– 4 ottobre: Nella Giornata mondiale degli insegnanti il mio pensiero ai miei docenti e a tutti gli insegnanti di Falconara perché il nostro è un lavoro faticoso ed insieme meraviglioso con l’augurio che ognuno riesca non solo ad aprire le menti ma soprattutto a toccare i cuori

– 2 ottobre: Oggi è la festa dei Nonni e il mio pensiero va ai miei genitori, nonni eccezionali e amatissimi e a tutti i nonni di Falconara che con il loro esempio, la loro vicinanza e il loro amore sono fondamentali nella vita dei loro nipoti. ♥

– 30 settembre: Mi hanno chiesto di fare una sorpresa a Elsa e Mario che hanno festeggiato il 65 anniversario di matrimonio. Vederli così entusiasti ha emozionato anche me! Belle sensazioni ♥

– 30 settembre: Lunedì il Pergoli si colora di rosa per l’iniziativa AIRC per il tumore al seno. Sono molto vicina a tante donne che hanno vissuto questa difficile esperienza e ringrazio Noi Come Prima che sostiene da sempre le donne che con coraggio combattono. Grazie

– 29 settembre: Una grande emozione il matrimonio di Caterina! L’augurio che l’amore che ho letto oggi negli sguardi tuoi e di Riccardo vi accompagni sempre ♥

– 29 settembre: Il Bypass poteva avere un senso solo in previsione dell’arretramento totale della linea ferroviaria. Così invece ha un impatto negativo per Falconara. Cercherò però di vigilare e di informare tutti voi.

– 28 settembre: Visita del nostro Prefetto dott. Antonio D’Acunto. È stato un onore ed un piacere continuare il nostro dialogo, già avviato con il primo incontro in Prefettura, sulle tematiche ambientali della nostra città. Grazie al Prefetto per la Sua disponibilità.

– 27 settembre: Eccoli i miei studenti partiti per New York! Non un viaggio studio, ma uno “scambio” che farà vivere occasioni di incontro con studenti americani, opportunità di crescita umana e di ampliare i loro orizzonti: un’esperienza unica! 🙂

– 23 settembre: Inaugurazioni di nuove attività a Falconara! Sono molto contenta e ringrazio commercianti ed imprenditori che si mettono in gioco e, come me, credono nella nostra città ♥

– 22 settembre: Un omaggio alla nostra Elsa Volpini, artista di grande sensibilità, che ha lasciato una traccia profonda nella cultura di Falconara, insignita delle benemerenza cittadina e che rimarrà sempre nei nostri cuori. Grazie Elsa ♥

– 21 settembre: Finita la visita a tutte le scuole di Falconara! I bambini felici ed io più di loro. Mi porto dentro tanti sorrisi, abbracci, canzoncine e….disegni! ♥

– 19 settembre: Non mi piace molto la manifestazione di Miss Italia però mi è piaciuta questa ragazza, Chiara Bordi, coraggiosa, capace di mettersi in gioco e di sfidare il canone estetico della perfezione… quella apparente e superficiale

– 18 settembre: Ho pensato di dedicare questi giorni alla visita delle nostre scuole. Ieri ho incontrato i bambini delle Mercantini oggi nelle scuole di Casfelferretti e poi continuerò. In queste visite ho parlato con tanti bambini curiosi, intelligenti e dolcissimi che mi hanno riempito il cuore ♥

– 17 settembre: Auguro a tutti gli studenti di Falconara, a tutte le famiglie, ai docenti e al personale Ata un buon anno scolastico! A voi studenti in particolare auguro che abbiate l” opportunità di crescere nel sapere, in un ambiente che crei motivazione e coinvolgimento e, al di là dei risultati raggiunti, sia per tutti voi sereno e gratificante, occasione di incontri, di amicizie e di crescita personale.

– 16 settembre: Il nostro programma per Falconara punta su Ambiente, Sicurezza, Progetti di riqualificazione come Centro Storico,l’ex Montedison con bonifica sito inquinato e tanti posti di lavoro, Sostegno al commercio e attività. Tutto attraverso la PARTECIPAZIONE dei cittadini con nuova Consulta delle Donne,Giunte aperte in Piazza, Incontri pubblici per ascolto
e confronto.

– 14 settembre: Vorrei ricordare a tutti voi che da domani 15 settembre potremo di nuovo portare al mare i nostri amici a quattro zampe. Anche la mia Leila, che non vede l’ora! 🙂

– 9 settembre: Buona Domenica a tutti e non mancate allo Sbaracco!

– 8 settembre: Inaugurazione del negozio per bambini Aleland Kids. Una nuova proposta che sicuramente piacerà a Falconara. In bocca al lupo Alessandro! 🙂

– 8 settembre: Inaugurazione della rotatoria direzione Barcaglione!! Un bel risultato promesso e mantenuto! 🙂

– 7 settembre: Vorrei informarvi che ieri, in Comune, è avvenuto l’incontro che mi hanno richiesto i vertici Api. Alla presenza di Ugo Brachetti Peretti, dell’AD Bandiera e del nostro
ingegnere Giovanna Badiali si sono affrontate tematiche relative alla sicurezza e alla salute dei cittadini che, come ho comunicato loro, per me sono una priorità. L’Azienda si è mostrata preoccupata per la situazione creatasi con la cittadinanza dopo l’incidente. Ha accolto la mia proposta di finanziare il laboratorio mobile, una centralina per misurare le esalazioni, che sarà acquistato ed utilizzato da Arpam nel progetto Falconara Ambiente. Rispetto alla situazione della sicurezza si è detta impegnata ad adempiere a tutte le prescrizioni previste dall’AIA

– 6 settembre: I miei studenti del Cambi- Serrani a New York : di sicuro ragazzi sarà un’esperienza indimenticabile anche per la presenza di due
prof eccezionali, Giuseppe DI Paola e Monica Mazza! 🙂

– 1 settembre: Vorrei informarvi su tutto quello che ho fatto in questi 2 mesi per affrontare la questione API:
– Subito dopo il mio insediamento richiesto ed ottenuto dalla Regione di convocare il Tavolo tecnico creato dopo l’incidente
– In quella occasione chiesto alla Regione un contributo per una nuova centralina con nuovi sensori ed una legge, come altre Regioni hanno fatto, sul tema emissioni
– Ho chiesto ed ottenuto di partecipare all’incontro in Regione con i Comitati cittadini per ascoltare i dati su indagine epidemiologica
– Per la prima volta nel gruppo di lavoro incaricato dal CTR di effettuare sopralluoghi all’API ha partecipato un ingegnere comunale ufficio ambiente
– Ho chiesto ed ottenuto di partecipare all’incontro in Regione per revisione del Piano di Emergenza Esterno dell’API
– Ho chiesto ed ottenuto di partecipare all’incontro del CTR presso i VIGILI del Fuoco in Ancona relativo alle Prescrizioni date all’API sulla sicurezza
– Ho convocato due giorni fa l’ARPAM per concordare alcuni interventi tra cui un LABORATORIO mobile per rilevare nuove sostanze relative alle emissioni e creare un” App che permetta ai cittadini di fare segnalazioni. Queste arriveranno direttamente agli enti per creare una mappatura ed intervenire rapidamente. Questo è l’inizio di un percorso Questo impegno
che ho preso con voi e che voglio mantenere.

– 26 agosto: Ho denunciato ieri all’Anas la situazione dei ponti. I viadotti presentano crepe già rilevate e segnalate. Ma a questo punto ho richiesto precisi interventi a tutela della nostra sicurezza. Buona Domenica a tutti voi!

– 25 agosto: Orgogliosa dei nostri agenti. Ieri la Polizia Municipale restituisce al proprietario il portafogli smarrito con 800 euro in contanti, scova un truffatore on line finto assicuratore e 7 automobilisti senza assicurazione.

– 24 agosto: Anche al TG3 le mie dichiarazioni al CTR dei Vigili del fuoco di Ancona. Ho chiesto, anche dopo l’ incidente, continui sopralluoghi. e
controlli. I verbali dei sopralluoghi inviati in Procura.

– 22 agosto: Vorrei comunicare a tutti voi che domani parteciperò al CTR dei Vigili del fuoco in Ancona per affrontare la questione API. È la Prima volta che il Sindaco di Falconara partecipa personalmente alla riunione. Credo sia fondamentale porre domande e soprattutto affrontare in modo deciso questa situazione. In questi giorni ci sono state diverse segnalazioni di odori molesti da parte dei cittadini. I cittadini di Falconara si aspettano che mi impegni al massimo su questo problema. Questo ho promesso e questo farò. Domani vi aggiorno

– 20 agosto: Questo abbraccio esprime più di tante parole e racchiude tutta la commozione profonda che abbiamo provato in questi giorni

– 15 agosto: Buon Ferragosto a tutti voi! Con il pensiero rivolto a Genova, il dubbio se annullare i fuochi, la consapevolezza che per tanti operatori balneari e ristoratori questa è l’opportunità più importante della stagione e l’occasione di condividere la serata con amici e famiglia. Di sicuro mi sento di esprimere la mia vicinanza a tante famiglie provate da questa
tragedia

– 11 agosto: Intervento importante per il decoro della nostra città. Spero che tutti i padroni di cani, anch’io ho la mia Leila, diventino responsabili e civili come lo sono in tanti. Un GRAZIE alla nostra Polizia Municipale che ha agito in borghese e con efficacia

– 9 agosto: Come promesso gli operai sono intervenuti nell’ Area cani via Matteotti con la realizzazione di battutto in cemento con gradino per ingresso, sostituzione del montante del cancello ammalorato. Prossimamente ci occuperemo delle aree con divieto e dell’oasi felina.

– 8 agosto: Giornata internazionale del gatto: per par condicio anche Leila vicino a Paola ….e non chiedetemi perché mia figlia Arianna ha chiamata così la nostra simpatica gatta! 🙂

– 5 agosto: Vorrei ricordare a tutti voi amici la storia di Tolerado, un levriero sfruttato in Spagna dagli scommettitori, brutalmente maltrattato, salvato dall’associazione Scooby e lanciare un appello contro l’abbandono dei cani che purtroppo in questo periodo è sempre più frequente.

– 4 agosto: Le asfaltature di via Martiri della Resistenza e Via degli Spagnoli sono state completate, dopo Via XX Settembre, via Palermo, via Filzi, via Menotti e via Bixio. Ma non ci fermiamo qui. Continuano in autunno con altri interventi già progettati in via delle Saline, in via Bottego, in via Trieste e nel tratto di via Bixio fino a via degli Spagnoli. Poi procederemo con altre vie della nostra città. Buona giornata!

– 2 agosto: Questa mattina gli assessori Yasmin Al Diry con Valentina Barchiesi con il geometra Principi hanno fatto una passeggiata per le vie del centro insieme ai ragazzi del centro Si per rendersi conto direttamente delle difficoltà che devono affrontare tutti i giorni questi ragazzi e le loro famiglie per attività quotidiane che dovrebbero essere alla portata di tutti. Per questo motivo ci siamo presi l’impegno di abbattere le barriere architettoniche, presenti nel suolo pubblico. GRAZIE Yasmin e Valentina per questa iniziativa

– 28 luglio: Ieri sera abbiamo acceso insieme Falconara! ? Una sensazione meravigliosa vedervi in tantissimi, per vivere sulla nostra spiaggia tutti insieme una notte speciale. Spero che tutti i nostri desideri si avverino ! #Falconaramagica ♥

– 27 luglio: Una notte speciale a Falconara, la Notte dei desideri, con cena vestiti di bianco sulla nostra spiaggia, candele in acqua, spettacoli
itineranti. Dalle 21, 30 anche eclissi di luna… non mancate! ??

– 22 luglio: La mia prima inaugurazione con la fascia tricolore: Piazza della Libertà a Casfelferretti con l’impegno di terminarla per la Festa della Famiglia mantenuto! Questa sera tutti alla rievocazione e alla cena a Casfelferretti ??

– 21 luglio: Nell’incontro in Regione ho chiesto che una parte delle Accise che versa l’Api siano destinate ad aumentare centraline e monitoraggio
qualità dell’aria a Falconara.

– 15 luglio: Buona Domenica a tutti voi amici! ?

– 14 luglio: Questa mattina ho giurato di onorare l’incarico che mi avete dato di Sindaco della nostra città. Ho concluso il mio discorso con un proverbio africano:
“Se vuoi andare veloce corri da solo, se vuoi andare lontano cammina insieme agli altri. Ecco, io vorrei camminare con tutti voi e mi impegnerò per essere il Sindaco di TUTTI ”.

– 10 luglio: I nostri studenti pallavolisti del CAMBI- SERRANI premiati dal Direttore USR Marche! Non solo sono arrivati sesti al Campionato Mondiale, ma PRIMI per il premio Fair Play!!
Competenze sportive altissime, speranza per un rilancio della pallavolo falconarese, ma soprattutto valori educativi dello sport. Orgogliosa di voi e della nostra scuola ♥

– 8 luglio: Ecco la nuova squadra che lavorerà con me per la nostra città. GRAZIE a Goffredo Brandoni, Presidente del Consiglio, punto di riferimento per tutti noi. Continuità e cambiamento, donne e giovani, ma soprattutto tanto entusiasmo, nuove energie, idee, progetti per migliorare Falconara. Questo il mio impegno, questo il percorso che ho già iniziato e che proseguiro’ con il contributo degli Assessori ma anche dei Consiglieri, candidati, simpatizzanti e tutti voi che vorrete sostenermi. Perché credo nel rapporto continuo e nell’ ascolto. Sarò il Sindaco di TUTTI e lavorerò con impegno e con passione per Falconara ♥

– 7 luglio: Sono molto contenta che ieri al TG 3 abbiano parlato dei miei primi interventi in relazione all’Api. Continuerò su questa strada per tutelare la nostra sicurezza e la nostra salute

– 3 luglio: Il nuovo percorso da Sindaco è iniziato con provvedimenti sull‘Ambiente: comunicazione immediata ai cittadini, lettere in Regione ed in Prefettura per tavoli tecnici su Api e salute dei cittadini. Questo vi ho promesso e questo farò.

– 1 luglio: Una grande emozione indossare per la prima la fascia tricolore! Vorrei ringraziare le tantissime persone che mi hanno inviato messaggi, che mi hanno stretto la mano, che hanno gioito con me. Un grazie speciale a un gruppo di anziani di Casteferretti incontrati in campagna elettorale con cui sono tornata a festeggiare in Piazza con un brindisi dopo le elezioni. Mi hanno inviato un mazzo di fiori con un bigliettino che mi ha commosso. ♥

– 25 giugno: GRAZIE a tutti voi amici, a chi mi ha sostenuto, a chi ha creduto in me. Mi sono sentita sola contro tutti ma mi avete dimostrato di apprezzare coraggio e coerenza. Lavorerò con ancora più impegno e sarò Sindaco di TUTTI i cittadini di Falconara ♥

(in alto il grafico dei like ottenuti 😅)

Il Like è un inganno

in Giornalista e dintorni/Il meglio di Re Gurk da

Sempre di più si tende, purtroppo da parte degli amministratori, a realizzare azioni intese per conquistare il favore o l’adesione di un pubblico sempre più vasto. Questo avviene attraverso mezze banalità o nella disperata rincorsa su argomenti che possano guadagnare un click in più. Nessuna progettualità in essere e un futuro sempre povero di realizzazioni che possano migliorare la qualità della vita di tutti i cittadini. E in tutto questo assistiamo a un continuo abuso di selfie tranquillizzanti e frasi da bimbominkia.
#parolechegraffiano

Andrea Fochista, indimenticabile disc jockey Mr Tilt

in Giornalista e dintorni/Il meglio di Re Gurk/Le parole che graffiano da

Inciampo volentieri nei ricordi, soprattutto se mi hanno arrecato delle forti emozioni. I ricordi mascherano la realtà e amplificano, un po’ come succede nei sogni, le sensazioni e le situazioni. Invece quando mi affido alla memoria, anche se a volte sbiadita e malconcia, riesco a mettere in ordine dei tratti del mio percorso di vita in cui ho incontrato persone che hanno inciso nella mia personalità sia in senso positivo che negativo. Hanno avuto il merito di mettermi in movimento, evitandomi di sprofondare nella dilagante mediocrità a cui quotidianamente assisto, da chi non vuole mai mettersi in discussione. Insomma il mio antidoto naturale ai primi o alle prime della classe…

Ciao Mr Tilt, sapessi le volte che mi sei venuto in mente. Oggi preso dall’inconsueta voglia di ordine in uno scaffale da liberare ho trovato questa lettera qui che da anni cercavo invano. Tu sei apparso in un breve percorso della mia vita, troppo piccolo. Noi “veri” pionieri, agli albori delle radio private, uniti da quel sacro amore, anzi preferirei dire fuoco, per la musica nuova da scoprire. Eh già poco tempo ma vissuto, nel garage di Borgo Rodi alle radici di Radio Arancia. Poi ti accompagnai nella prima ed unica esperienza in discoteca. Avevamo Senigallia tutta per noi, io al timone del Papagajo Club e a te presentai il Conte Babele per il suo Number One. Sento ancora la leggerezza delle nostre chiacchierate fra un disco e l’altro e qualche volta a bere e mangiare da Marion, nelle notti senigalliesi. Poi quel maledetto sabato notte mi portarono a voce la notizia di quell’incidente stradale dove potevi essere tu. Purtroppo eri tu. Poi ti ho rincontrato una notte di tanti anni fa (qualche decennio penso) quando mi regalasti in sogno anche dei numeri. Ero troppo felice di averti rivisto e non li giocai nemmeno. Siamo fatti così, sbadati ma profondi negli affetti da conservare. Un abbraccio amico mio mentre David Bowie canta ancora una volta per noi “starman”.

Kruger

ps: in memoria di Andrea Fochista.

Quando la Cultura è come il cavolo a merenda

in Giornalista e dintorni/Il meglio di Re Gurk/politica da

Questo post lo vorrei chiamare CAVOLO A MERENDA. Ho letto casualmente su uno dei vari manifesti inneggianti agli appuntamenti offerti in questo periodo nella mia città, questa specie sintetica di menu, che ho estrapolato dal manifesto e mi fa venire in mente una considerazione. L’utilizzo inappropriato del termine cultura, quasi a voler dare un vestito nobile ad una manifestazione popolare. Cutura in effetti è un termine che primeggia insieme a quello, altrettanto abusato in altre occasioni, di beneficenza. Ipocrisia o ignoranza? Se non ci riappropriamo di una progettualità concreta e qualificante come possiamo pretendere che i nostri cittadini possano finalmente saper consumare il prodotto che scelgono per quello che realmente è. Una città che si impegna a parlare un linguaggio comprensibile e nel tempo stesso stimola una crescita di proposte nuove può ambire ad allargare i propri orizzonti.

L’arte di acquistare e di vendere fra feedback e cattiva educazione

in Giornalista e dintorni/Il meglio di Re Gurk da

Guai se il feedback fosse usato soltanto in funzione di una personale vendetta o peggio ancora per concorrenza sleale. Nella nuova frontiera del consumatore c’è la possibilità di esprimere un giudizio per il servizio o il prodotto utilizzato. Ci vuole onestà intellettuale per esprimere un giudizio e per questo che personalmente ho scelto come metodo (considerando il tempo che gli posso dedicare) di descrivere o situazioni particolarmente felici o quelle che fanno incazzare. Oggi, ad esempio, mi sono sentito indignato oltre misura per il trattamento cafone e di non giustificata sufficienza in un supermercato, di cui riporto integralmente la mia recensione su Google. Sono stato commerciante per oltre venti anni e ricordo perfettamente la fatica per interagire con tutte i tipi di clienti che mi trovavo di fronte. Non nego che per alcuni di loro sarà stato pure difficile trattare con me. Eppure le ragioni vanno ascoltate e non si può liquidare tutto con un perentorio ed affrettato no. Inutile poi fare nei giorni precedenti (proprio in quel supermercato) , ironia della sorte, mi era stato proposto un questionario informativo fatto (scusate il francesismo) a caxxo di cane (non me ne vogliano Kelly e Milo). Forse prima di capire i gusti della propria clientela (e quelle domande credetemi erano di una banalità disarmante) poi ci si dimentica di fare un corso di educazione al personale addetto al box informazioni.
Se si vende un prodotto non sigillato di partenza, non si può poi non accettare il cambio perché è aperto. Comunque poco male da oggi avranno un cliente rompicoxxxoni come me. Anche se temo che certi comportamenti possano essere contagiosi. Acquistare in fondo può essere anche una filosofia di vita e come tale non va sottovalutata.

Falconara Marittima alla ricerca di una piccola bellezza

in Giornalista e dintorni/Il meglio di Re Gurk/Senza categoria da

Ho letto divertito tempo fa su una pagina social su Falconara Marittima, che mostrava la foto della Sindaca con due neo assessore (ho scritto volutamente al femminile, mi piace così) e cominciava scrivendo così “Ma e’ la nuova Giunta oppure una sfilata di moda..?! Beh pero’ bisogna ammetterlo: a livello estetico non siamo messi mica male……!!!”
Mi è venuta in mente un gradevole e recente ricordo di un sabato pomeriggio a Jesi nel corso. A parte la piacevolezza della mostra che andavo a visitare, c’era quella leggera sensazione di festa, grazie a quella gente che era vestita bene per andare a spasso nel centro della loro città. Un tempo consideravo tutto questo, una ridicola espressione della provincia. Ora ne avverto la mancanza. Siamo inondati di sgradevole sciatteria, questa trascuratezza che va pure bene se andiamo a spasso con i nostri cani in un parco. Mentre occorre riappropriarsi della nostra dignità di cittadini proprio nei momenti dei nostri incontri pubblici. E’ vero che l’abito non fa il monaco ma nel vestire, come nel parlare, nel leggere o nell’ascoltare musica ci vuole un pizzico di stile. Uno sforzo per crescere e non per sprofondare sempre di più nell’anonimato. Fanno bene quelli che si vestono bene per andare a messa ad esempio, il loro peccato semmai è comportarsi non nella maniera che vorrebbe il loro Signore per il resto della settimana.. E questo vale per tutti, anche per quelli che non vanno a messa come me. E’ la ragione per cui occorrerebbe rincontrarsi con garbo nei nostri centri cittadini. In fondo è la maniera più immediata per riappropriarsi del nostro territorio, recuperare le nostre radici per confrontarsi con il prossimo. E pure per riconquistare quell’educazione civica che ci sembra irrimediabilmente sfuggita di mani e di mente. Ecco cosa intendo per una comunità friendly, in cui occorre abbandonare la strada del divieto a tutti, solo per colpa dei pochi che sbagliano. Così si rischia di considerare tutte le persone come automobili in rischio di divieto di sosta. Sollecitiamo le loro antiche abitudini ed andiamo alla ricerca di quella bellezza che esiste pure in un posto complicato come Falconara Marittima.

ps: il perché della foto? Costringervi forse a leggere fin qui, invitandovi ad altre riflessioni. E’ bene mantenere prima puliti i nostri pensieri, altrimenti ci ammaliamo di indifferenza e rassegnazione.

Irrinunciabili briciole di felicità per un tris di kappa

in Giornalista e dintorni/Il meglio di Re Gurk/Le parole che graffiano da

Ed ora posso dire tranquillamente che chi di foto colpisce di foto perisce. Stanotte al compleanno (poi non ne parlo più) dei miei due ragazzi, ampiamente pubblicizzato, ho avuto un’implacabile regista, mia figlia Kimberley. Ha praticamente setacciato ogni foto fatta e dopo un rigido e scrupoloso controllo ha deciso quale potessero essere pubblicate. Niente da dire è un’artista. Da parte sua Kevin invece si sottomette, per non fare torto a nessuno, a farsi fare delle foto con delle espressioni spesso non molto convinte. Quel tavolo allegro dove con Mila, Elba, Kelly, Milo, Alice e Nicola ci siamo voluti bene divertendoci, sembra aver funzionato sul serio. Ora mentre, dal mio cellulare, mi ripasso tutte le immagini della serata mi accorgo che fra tutte quelle pubblicate manca proprio questa da tris di Kappa. Trovo quindi bello concedermi ancora a questa incontrollabile vanità dell’apparire che in fondo nasconde piccole ma irrinunciabili briciole di felicità. A cui nessuno di noi dovrebbe mai rinunciare

1 2 3 7
Go to Top